Novità e riflessioni

Il Blog di Goodea

Pagine di elenco prodotti

Come presentare al meglio il tuo catalogo

Oggi parliamo delle pagine di elenco prodotti. Diciamo subito che la progettazione deve includere tre macro-aree:

  1. La presentazione dei prodotti
  2. La visualizzazione dell’elenco prodotti
  3. L’ordine dei prodotti

In questo articolo tratteremo il primo punto.

Per entrare subito nell’argomento, facciamo un esempio per inquadrare il contesto:

Ci troviamo in un supermercato ed entriamo in un reparto (che possiamo assimilare alle pagine di categoria di un e-commerce) per individuare un prodotto. Come ci muoviamo? Ci avventuriamo tra le corsie per cercare ciò di cui necessitiamo. Gli scaffali li possiamo considerare come le nostre pagine di elenco prodotti. Il più delle volte questi ripiani sono molto confusionari, non definiscono bene i prodotti, vi sono più prodotti di categorie diverse combinati insieme, i prezzi non sono sempre chiari e le informazioni su di essi non sempre reperibili. Tutto questo, la maggior parte delle volte, si trova anche nei nostri scaffali online.

La pagina di elenco prodotti, essendo la più affollata è, dunque, quella che necessita di più attenzione nella sua costruzione e strutturazione. Qui gioca un ruolo importante il design, il quale crea davvero la differenza nell’usabilità di questa pagina. Di seguito consigliamo alcune attenzioni da avere nella sua costruzione.

Utilizzare nomi brevi e descrittivi

Gli utenti devono comprendere immediatamente l’offerta del sito in base alle informazioni contenute nelle pagine di elenco prodotti. Ciò significa che il nome di ciascuno di essi deve essere chiaro e descrittivo, deve rappresentare il prodotto e differenziarlo dagli altri presenti in catalogo.

Nella maggior parte dei casi i nomi visualizzati includono la marca, il produttore e altre caratteristiche. Questo approccio non è sempre valido, in quanto occorre valutare le esigenze dell’utenza per definire quale sia la combinazione più idonea delle informazioni. 

Nomi di prodotti brevi e descrittivi rassicurano gli utenti, al contrario, nomi poco chiari creano caos e sfiducia. Capita spesso che le immagini non sono presenti o non sono adeguate a mostrare il prodotto, quindi un nome completo o una descrizione adeguata potrebbero aiutare l’utente ad orientarsi e a comprendere cosa stia acquistando.

Dare priorità alle informazioni più importanti

Ogni utente predilige alcuni attributi, importanti o meno, per il prodotto, alcuni definiscono la marca un elemento essenziale, mentre altri prediligono le caratteristiche descrittive.

Ogni utente ha una propria scala di importanza per gli attributi, occorre, quindi, studiare quali sono le descrizioni di maggior valore per loro.

È utile elencare i criteri più importanti nei nomi, per poter aiutare gli utenti a scansionare rapidamente gli elenchi dei prodotti. Ad esempio, elencare i nomi dei marchi può aiutarli a scegliere rapidamente le marche che preferiscono. Un altro tipo di ordine molto utilizzato dagli utenti è l’ordine alfabetico.

Mostrare subito i prezzi

Gli utenti non vogliono aprire ogni singolo prodotto per verificarne il costo. Vogliono visualizzarlo subito, perché è uno degli elementi chiave nella scelta d’acquisto. Il prezzo è tenuto in grande considerazione dalle persone e vogliono avere la possibilità di confrontarlo nelle pagine delle schede dei prodotti senza dover visualizzare ogni singola descrizione. 

In caso di costi addizionali, indicare tale possibilità, ma definire sempre un prezzo base, al quale successivamente vengono sommati i costi aggiuntivi.

Indicare se ci sono differenti stili, colori o opzioni disponibili 

Se un maglione è disponibile in più colori conviene mostrarlo in un’unica tonalità e poi indicarne la disponibilità in altre sfumature. È consigliabile associare ad ogni prodotto tutte le opzioni disponibili, piuttosto che mostrarle nell’elenco prodotti come altre tipologie. 

Alcuni siti indicano gli articoli disponibili in diverse colorazioni catalogandoli singolarmente. Ad esempio, un maglione rosso è un prodotto, mentre la versione blu dello stesso è un altro. Altri siti, invece, elencano un prodotto e consentono agli utenti di scegliere tra le opzioni disponibili. L’approccio migliore dipende dall’inventario del sito e potrebbe essere determinato dagli strumenti di back-end utilizzati.

Quindi, la scelta migliore, risulta essere quella di elencare ogni prodotto singolarmente e associarlo alle varie opzioni disponibili per esso (come le diverse colorazioni o taglie). In caso contrario, le pagine di elenco prodotti e i risultati di ricerca potrebbero diventare rapidamente ingestibili e richiedere tempo agli utenti, inducendo l’utente a guardare fino a 10 volte lo stesso articolo prima di raggiungere un secondo prodotto.

Se il sito offre un numero limitato di elementi, può avere senso rendere tutte le opzioni visibili singolarmente. 

Mostrare le informazioni sulla disponibilità 

Tanti più passaggi gli utenti impiegano per arrivare al momento dell’acquisto, maggiore è il loro risentimento quando scoprono di non poterlo effettuare, perciò è consigliabile presentare le informazioni sulla disponibilità della merce immediatamente. Gli utenti devono sapere subito se un articolo è disponibile, in arretrato, esaurito o non disponibile.

Porre attenzione nella scelta degli articoli da inserire in primo piano, la “vetrina” della pagina di elenco prodotti deve essere chiara. In alcune circostanze, la pagina di elenco prodotti, è preceduta da quella di categoria, quando ciò non avviene è utile che i prodotti in primo piano siano presentati nel modo più adeguato possibile. 

Includere le immagini dei prodotti

Le immagini dei prodotti nelle pagine delle categorie e nelle pagine di elenco prodotti devono essere abbastanza grandi da consentire agli utenti di identificare l’articolo e alcuni dettagli, ma abbastanza piccole da consentire la visualizzazione di diversi manufatti uno accanto all’altro.

Per alcuni tipi di prodotto, come l’abbigliamento, in cui l’aspetto dell’elemento è un fattore determinante nelle decisioni di acquisto, gli utenti guardano in un primo momento solo le immagini del prodotto, ma solo se attratti da esse cercano informazioni come il prezzo e il marchio.

La qualità dell’immagine deve permettere la riconoscibilità del prodotto 

Le immagini dei prodotti devono essere abbastanza grandi e sufficientemente dettagliate per consentire agli utenti di averne un’idea. Non devono mostrare tutti i dettagli, ma l’immagine deve essere di qualità sufficientemente elevata da consentire un’immediata identificazione sia del prodotto che di alcuni particolari principali che lo caratterizzano.

Fate attenzione a rotazione e ingrandimento immagine

Alcuni siti offrono strumenti aggiuntivi per evidenziare maggiormente i dettagli dell’immagine. Tali funzioni possono fornire utili contenuti supplementari, ma sono anche fonte di distrazione e confusione per alcuni utenti. Qualsiasi implementazione di questo tipo deve essere eseguita con cura. Progettare questa funzione in maniera errata può provocare fastidio nell’utente e portarlo alla decisione di non acquistare il nostro prodotto.

Vuoi aprire un e-commerce? Parlane con noi.